Hai del Sale? È un progetto di Smart Human Street per valorizzare il centro storico e
sviluppare nuove modalità di condivisione dei bisogni e delle competenze tra gli abitanti, gli imprenditori e tutti coloro che fruiscono dei servizi e degli spazi della via. L’idea mira a rafforzare e a valorizzare i rapporti di vicinato e di collaborazione nell’ottica di una condivisione di beni materiali (biciclette, libri, oggetti, prodotti) ed immateriali (conoscenze, competenze e saperi) e a far inoltre acquisire una maggiore consapevolezza identitaria del luogo. Il progetto è un insieme di iniziative che, sviluppate dai cittadini, sono in grado di coinvolgere sia le imprese sia la Pubblica Amministrazione all’interno di un processo di cooperazione. A differenza di molte Social Street che si attivano a partire dalla dimensione virtuale del social network, Hai del Sale? intende, al contrario, dare avvio ad un’esperienza concreta che parte dall’interazione fisica e verbale tra individui connotati dall’appartenenza alla stessa area geografica. Per dare avvio a quest’esperienza siamo partiti da due contesti distinti animando sia il centro che le zone periferiche della città. Aree molto diverse l’una dall’altra per identità, modalità sociali e vitalità.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
1
1

 Hai del Sale? si è sviluppato per esempio all’interno del condominio Aler di Strada Montata e ha coinvolto persone  over 65 ricche di memoria storica, competenze e tempo a disposizione, ma allo stesso tempo portatori di bisogni. Si sono realizzate una serie di azioni finalizzate, in un primo tempo, alla sensibilizzazione e alla conoscenza dei residenti della struttura e successivamente ad un percorso di coprogettazione centrata sulla loro partecipazione attiva. Su questo tema si sono organizzati piccoli eventi e attività come la cura condivisa di spazi verdi, lo scambio di beni materiali (come la biblioteca condominiale, realizzata grazie alle donazione degli abitanti sia del condominio che del quartiere), servizi e conoscenze (ad esempio la realizzazione della mostra di foto storiche Strada Montata si racconta), fino ad una restituzione al quartiere (la mostra fotografica ha accolto alcune classi della scuola elementare del quartiere).

In parallelo, il progetto ha previsto l’attivazione di azioni analoghe in via Oberdan, un contesto completamente differente rispetto al precedente: si tratta infatti di una via nel centro storico della città, in pieno contesto Unesco, e già parzialmente animata dai negozianti e dai residenti stessi. In collaborazione con i commercianti si sono realizzate feste di Natale, feste della via (Oberdan Boulevard) e, con modalità simile a quella usata al condominio di Cittadella, una mostra di foto storiche della via realizzata in una vetrina sfitta in modo che fosse fruibile da tutti i passanti. Infine si è realizzata una bacheca di via itinerante che ha raccolto pensieri e buoni propositi per la via di abitanti e commercianti. L’obiettivo è quello di creare un coinvolgimento concreto e una serie di strumenti finalizzati al miglioramento della qualità della vita all’interno della via; la finalità è quella di creare un modello che sia anche esportabile e replicabile. Sia in altre vie della città sia in altri contesti o realtà urbane.