Socialità a km zero. La domanda “Hai del Sale?” diventa una progettualità

Tavolo di socialità

L’Associazione RUM Ri-animazione Urbana Mantova ha avviato un percorso di socialità che intende riscoprire il valore del buon vicinato e della collaborazione fra residenti di una stessa via o di uno stesso quartiere. Questi sono da intendere come beni comuni e spazi condivisi che fanno leva sulla dimensione partecipativa e attiva del cittadino che si metta in prima linea, e in collaborazione con la Pubblica Amministrazione, al fine di prendersi cura dei propri luoghi. Interessante è proprio la dinamica di animazione, o meglio, ri-animazione urbana che può essere messa in campo direttamente dai residenti per organizzare eventi o attività culturali e sociali per rigenerare la via e il quartiere. La valorizzazione di queste dinamiche è un fenomeno che sta modificando l’attuale paradigma sociale conducendo alla riscoperta di vecchi termini come condivisione, collaborazione e scambio, e portando alla ribalta il nuovo concetto di sharing.

Il progetto, vincitore del primo premio del bando La cultura come bene comune indetto dalla Provincia di Mantova, si è potuto realizzare grazie ai fondi di Fondazione Cariplo. RUM ha deciso di avviare la sperimentazione in due parti distinte della città, il centro storico e la periferia, la via e il quartiere, in modo tale da monitorare l’andamento delle azioni su due “terreni” diversi. Nel caso di via Oberdan si è trattato di una via prettamente commerciale e già abituata ad organizzare eventi ma poco incline alla collaborazione tra residenti. Nel quartiere di Cittadella invece si è individuata l’area che comprende una serie di costruzioni Aler di proprietà comunale; situazione particolare in quanto sede del CSV di Mantova e di altre realtà associative del quartiere. RUM ha scelto di mettere in pratica azioni partecipate il più possibile dai soggetti già presenti ed attivi sul contesto di modo da avere una maggiore e più diretta conoscenza degli abitanti e dei fruitori in entrambe le zone sperimentali scelte. Nel caso di via Oberdan si sono dunque coinvolti i commercianti, già molto presenti e soprattutto attivi; per il quartiere di Cittadella si è coinvolto direttamente il CSVM e il Club delle Tre Età. Si è cercato, per quanto possibile, di realizzare le medesime azioni – ovviamente adattate all’ambito – in entrambe le situazioni sperimentali per studiare contestualmente le reazioni delle due situazioni. Per conoscere gli abitanti di Cittadella si è scelto di partire dal principio della convivialità e di puntare dunque su quanto più porta le persone a stare insieme e a discutere: il cibo. Con Un Gelato per Conoscersi il gruppo RUM ha offerto il gelato agli anziani abitanti del condominio di Strada Montata 2 e, tra una coppetta e l’altra, ha raccolto richieste, idee e necessità. Parallelamente, in via Oberdan, si è colta l’occasione della festa di via Oberdan Boulevard per presentarsi agli abitanti ed ai frequentatori della via.

Gli incontri sono poi proseguiti ed in entrambi i contesti analizzati si è deciso di creare un happening che portasse l’attenzione sull’identità del luogo: una mostra fotografica di foto storiche che coinvolgesse direttamente gli abitanti. Sia gli abitanti che i commercianti di via Oberdan ed i condomini di Cittadella hanno fornito proprie fotografie per l’allestimento. In via Oberdan la mostra è stata approntata nella vetrina di un locale sfitto, di modo che fosse fruibile anche da tutti i passanti, a Cittadella invece è stata ospitata nella sala del CSVM. Le didascalie di ogni foto non sono state create ad hoc ma sono state composte dagli abitanti stessi, attraverso i propri ricordi annotati direttamente sotto ad ogni immagine. La mostra di Cittadella è stata visitata anche da due classi della scuola elementare del quartiere che, dopo aver osservato le fotografie, hanno scritto brevi testi spiegando quale immagine li ha colpiti di più e per quale motivo.

Attualmente RUM sta continuando a lavorare all’interno di entrambi i contesti: via Oberdan si mostra tuttora animata principalmente dai commercianti – nonostante si siano registrate alcune chiusure di esercizi commerciali – che partecipano attivamente alle iniziative della città proponendo eventi creati in modo partecipato.  A Cittadella invece si sta cercando di coinvolgere tutte le realtà attive presenti nel quartiere per creare un tavolo di coordinamento che funga da strumento per avviare un percorso di coprogettazione tra le associazioni in questione ed i cittadini. L’obiettivo del percorso intrapreso, al momento, è comprendere al meglio le necessità ed i bisogni del quartiere nella sua interezza, cittadini ed associazioni incluse. In un secondo momento si procederà verso una fase più prettamente programmatica.

Ciò che risulta interessante di Hai del Sale? è come si sia riusciti a volgere un progetto in progettualità, attivando un percorso di collaborazione all’insegna del dialogo, dell’ascolto e della messa a sistema di bisogni: di questo ne è un esempio anche l’attività di RUM di coordinamento delle diverse realtà social presenti a Mantova e provincia. L’obiettivo è di creare un terreno d’incontro e di confronto per potersi meglio aiutare e consigliare a fronte di problemi comuni dando attenzione e valore alla vecchia nuova figura del cittadino attivo, che si prende cura del luogo in cui vive.

RUM Rianimazione Urbana Mantova

About RUM Rianimazione Urbana Mantova

Siamo cinque giovani con formazioni ed esperienze lavorative differenti. Ci occupiamo di progettazione per la valorizzazione di Mantova. In ogni progetto che seguiamo mettiamo passione ed impegno. Lavoriamo in team perché cinque teste sono meglio di una ed il confronto continuo aiuta sia la crescita professionale della persona che lo sviluppo dei progetti ed ognuno di noi dà sempre il massimo. L’unione delle nostre competenze, tra loro così diversificate, facilita ancor di più il raggiungimento degli obiettivi. Ogni progetto di cui ci facciamo carico viene cullato e nutrito fino alla sua messa in atto. Offriamo serietà e professionalità, ascolto, consulenza e assistenza, impegno e perseveranza: tutto per raggiungere i tuoi obiettivi. IL NOSTRO METODO di lavoro consiste nel mettere in rete e coordinare gli attori del territorio, perché crediamo che la cooperazione porti a risultati migliori e duraturi.

Leave a Reply